• Safe Image
  • Anaci 02
  • Anaci 03

Cosa è ANACI?

ANACI è la più grande associazione a livello nazionale che raggruppa 8.000 amministratori di condominio, amministratori professionisti che seguono nelle varie città dai 50 ai 100 condomini ciascuno. 
ANACI, Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari, è la sigla nella quale è racchiuso il patrimonio di storia ed esperienza di trent’anni di associazionismo degli amministratori immobiliari italiani.
Nata nel gennaio del 1995, dall’unione dell’ANAI con l’AIACI è oggi presente in tutte le province italiane, dove oltre a svolgere attività di formazione per i propri iscritti organizza corsi di avviamento e qualificazione, rivolti a quanti, in maggioranza giovani, vogliono conoscere più da vicino l’attività dell’amministratore immobiliare.

Il tuo condominio, il nostro patrimonio. Il nostro impegno, amministrarlo.

Amministratori che vanno, amministratori che vengono. Difficile instaurare un rapporto solido e duraturo nel tempo con un condominio e con i condomini. Difficile è guadagnarsi la fiducia perchè già bleffati da amministratori non professionisti ma occasionali o improvvisati.

L' ANACI FOGGIA, rappresentata da professionisti preparati e capaci, è pronta per questa nuova sfida; dimostrare che nulla è impossibile e che si può amministrare uno stesso condominio anche per tutta la vita, mettendo a disposizione capacità, professionalità, qualità, e sopratuttto onestà, contro ogni forma di diffidenza senza arroganza, ma con umiltà.

La figura e la professione dell'Amministratore di condominio, dall'inizio di questo nuovo millennio, sta attraversando un periodo di fermento culturale e di crescita della propria immagine all'interno della Società quale professionista vero, alla pari degli altri. È proprio per questo che ci troviamo di fronte ad un nuovo fenomeno di grande rilevanza sociale, l'identità di questo nuovo professionista di terza generazione che svolge unicamente l'attività di Amministratore di condominio.

La peculiarità più rilevante degli amministratori ANACI è rappresentata dalla competenza e conoscenza in materia fiscale, contabile, tecnica, giuridica, necessarie a svolgere quesa professione e non solo, ma ad acquisire anche valori strategici rappresentati da comptenze innovative come marketing, psicologia, che si affiancano alle competenze tradizionali. Dette competenze innovative sono e devono essere un arrichchimento e devono rappresentare un valore aggiunto alle competenze tradizionali.

Scegliere un associato ANACI, per amministrare il tuo condominio, è un investimento sicuro, e per noi rappresenta un patrimonio professionale nel tempo.

Notizie da Condominio Web

  • Perché le canna fumaria non deve rispettare le distanze legali?
    La canna fumaria va considerata alla stregua di un semplice accessorio del relativo impianto, e non una costruzione a sé stante, quindi non è soggetta alla disciplina delle distanze tra edifici. La vicenda. Un complesso contenzioso tra confinanti avente ad oggetto, tra l'altro, due canne fumarie poste, a detta dell'attore, a distanza non regolamentare rispetto alle finestre dell'abitazione di quest'ultimo viene risolto in maniera opposta nei primi gradi di giudizio....
  • Il macellaio fa troppo rumore e il condominio gli si rivolta contro
    Cominciata nel 2012, la "guerra dei coltelli" coinvolge anche Comune, Polizia locale e Arpa. Per via del continuo e intenso rumore prodotto dal taglio della carne, i condomini decidono di ingaggiare una battaglia contro la macelleria islamica fino a coinvolgere anche il Comune....
  • Installazione dell'ascensore per disabili in caso di rifiuto degli altri condomini.
    In tema di condominio negli edifici, sulla base della previsione dell'art. 2, comma 2, della legge n. 13/89 deve affermarsi, in caso di rifiuto del condominio di adottare le deliberazioni di cui al primo comma, il diritto del singolo condomino, che si trovi nelle condizioni di disabilità previste dalla legge, di far installare a proprie spese l'ascensore. La norma fa salvo quanto disposto dall'art. 1120, 2 comma, c.c....
  • Va revocato il decreto ingiuntivo emesso non contro l'attuale condomino
    Va revocato il decreto ingiuntivo emesso e diretto non contro l'attuale condomino, bensì verso il suo dante causa titolare dell'obbligazione di pagamento nel momento in cui essa sorse. In ambito condominiale, in tema di azioni di recupero del credito contro il condomino moroso, è da ritenersi illegittimo e quindi va revocato il decreto ingiuntivo emesso ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c....